La cittadina si trova solo 50 chilometri a nord di Aleppo, città martire della ribellione contro il regime, ma qui il futuro è già iniziato e la gente vive come se la dittatura di Damasco fosse alle spalle. L’Esercito Libero siriano ha preso il controllo di Azaz tre settimane fa, dopo cinque mesi di combattimenti. E ora sembra essere tornata la vita.”Quando sono cessati i combattimenti – racconta il capo del Consiglio politico locale – non era rimasto nulla: niente acqua, niente elettricità, niente cibo. Oggi circa l’80% di questi servizi sono riattivati e funzionanti”.Una delle piazze principali della cittadina, a testimonianza del cambio di prospettiva, è stata vistosamente dedicata ai martiri della nuova Siria. E la gente ha ricominciato ad affollarla, con i negozi di nuovo aperti. “Da quando l’esercito se ne è andato – racconta un commerciante – siamo liberi e felici e ora aspettiamo solo che se ne vada anche Assad”

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L'abbiamo deciso perchè siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un'informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Feliz cumple, comandante en jefe!

next
Articolo Successivo

Utoya, la commissione d’inchiesta: “Breivik poteva essere fermato prima”

next