Londra saluta i suoi Giochi. Lo ha fatto ieri sera con una cerimonia di chiusura informale, per certi versi antitetica a quella impostatissima dell’inaugurazione. Non manca la celebrazione dell’orgoglio british, sul palco a forma di un’enorme Union Jack. Ma stavolta con un occhio di riguardo per i giovani ed i loro gusti; per dare un senso al motto di London 2012, “inspire a generation”. Anche se i Beatles e i Queen valgono più in video che cantati da Russel Brand o Jessie J. C’è spazio anche per l’ultimo atto della manifestazione sportiva: la premiazione della maratona maschile, la gara delle gare, secondo protocollo.

Le tradizioni sono importanti, in Inghilterra anche di più. E dopo God save the Queen l’Olympic Stadium di Stratford si alza in piedi per l’inno dell’Uganda, al secondo oro a 40 anni di distanza da Monaco 1972: è il bello dello sport, che la globalizzazione l’ha sempre conosciuta. Gli atleti sfilano insieme, un gran miscuglio di volti e colori, senza divisioni. Noi la nostra bandiera la affidiamo a Daniele Molmenti, oro nel K1: un gigante bravo e spaccone, che sorride sempre anche quando rappresenta un Paese intero. Se lo merita quel tricolore. Prima e dopo balli e danze. Ma soprattutto, come già due settimane fa, è il trionfo della musica. Certo la colonna sonora a tratti lascia a desiderare: in apertura, insieme ai Pet Shop Boys, ci sono anche i One Direction. Rispetto a Paul McCartney è quasi un tracollo, ma pur sempre in salsa british.

Poi finalmente suona Imagine. E quando sui maxi-schermi compare il faccione di John Lennon sono brividi. È il momento della musica, quella vera: Bohemian rapsody, Freedom, Wish you were here e chi più ne ha più ne metta. L’elenco è lungo: in questo i Britons sono davvero dei maestri. In mezzo, l’apice è l’esibizione live delle Spice Girls, attesissima a suo modo. Seguita a ruota da Liam Gallagher che canta Wonderwall (però come Beady Eye – e chi sono costoro? – e non come Oasis, manca Noel). Quindi i Muse, con la loro Survival: sarebbe l’inno dei Giochi, ma la Rai valuta che sia questo il momento più opportuno per mandare la pubblicità. Opinioni. La chiusura comunque non ce la toglie nessuno: in grande stile, tutta per gli Who. Così le ore passano. E quando è quasi mezzanotte si spegne il braciere e si accende il cielo della City, illuminata a giorno dai fuochi d’artificio. Il sindaco Boris Johnson passa il testimone a quello di Rio de Janeiro, siamo già proiettati nel futuro; e a darci il benvenuto sul palco arriva a sorpresa anche Pelè. Poi è tempo di discorsi e di saluti. That’s all. Si chiude il sipario a Londra, in attesa di Rio 2016.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Londra 2012, medagliere Italia in chiaroscuro nei giochi targati Phelps e Bolt

next
Articolo Successivo

Londra 2012, paranoia sicurezza: flop di appalti privati e costi record

next