Carlo Molfetta ha conquistato la medaglia d’oro nella finale olimpica dei +80 Kg, la prima nella storia a cinque cerchi del taekwondo azzurro. Il 28enne mesagnese si è imposto per superiorità, dopo il verdetto dei giudici, su Anthony Obame, argento e primo gabonese a salire su un podio olimpico. Il match si era chiuso sul 9-9 dopo i tre round e non si era risolto nemmeno al golden point. 

“Per un punto si può vincere o perdere, oggi si vince. E’ la mia giornata sì”. Carlo Molfetta esulta così dopo la vittoria. “E’ una medaglia che dedico prima di tutto a me stesso, poi a Leonardo Basile che è il vero peso massimo della nazionale e che non è qui per scelte tecniche. E un po’ anche alla mia ragazza Serena: da quando c’è lei sono più tranquillo”, ha detto Molfetta ai microfoni di Sky. Per il taekwondo azzurro è la seconda medaglia in questa edizione dei Giochi dopo il bronzo di Mauro Sarmiento, già argento a Pechino quattro anni fa. “Possiamo fare ancora meglio, basta crederci” dice il neo-campione olimpico. “Bisogna soprarttutto aumentare coi numeri, siamo pochi in Italia ma ci facciamo valere quindi è un’ottima scuola. Viva i carabinieri”, conclude Molfetta rendendo omaggio al suo gruppo sportivo.  

Sfuma invece il sogno dell’oro per Clemente Russo nella boxe pesi massimi, categoria 91 kg, L’azzurro è stato sconfitto per 14-11 dall’ucraino Oleksandr Usyk, campione del mondo in carica, che conquista così il gradino più alto del podio. Russo bissa invece l’argento conquistato a Pechino quattro anni fa. In attesa delle gare dell’ultima giornata, le medaglie azzurre salgono a quota 23: 8 ori, 7 argenti e 8 bronzi.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Londra 2012, Bolt trascina la staffetta 4×100 al nuovo record del mondo

next
Articolo Successivo

Londra 2012, Italia tre volte bronzo. Argento per Cammarelle e Settebello

next