“Tutte le ex prostitute tendono a dare in giro lezioni di morale quando invecchiano”. Così Dmitri Rogozin, vicepremier russo di orientamento nazionalista ed ex ambasciatore all’Ue non nuovo a uscite pubbliche provocatorie, ha replicato in queste ore via Twitter all’appello lanciato da Madonna in Russia per la scarcerazione delle tre cantanti della punk band anti-Putin Pussy Riot.

“Ogni ex p… – ha scritto Rogozin, velando l’insulto dietro i puntini di sospensione – tende a dare in giro lezioni di morale. In particolare quando si trova in tournee all’estero”.

Madonna ha tenuto un concerto a Mosca nei giorni scorsi e sarà di nuovo sul palco stasera a San Pietroburgo. Durante la sua prima esibizione ha evocato il contestato processo alle tre giovani componenti di Pussy Riot – accusate di teppismo e odio religioso per aver recitato una dissacratoria preghiera pubblica contro il presidente Vladimir Putin nella cattedrale ortodossa di Cristo Salvatore – definendole “coraggiose” e chiedendone il rilascio: pur con la premessa di non voler “mancare di rispetto al governo russo né alla Chiesa”.

Già nel 2008, a margine di una precedente esibizione moscovita, un dignitario della Chiesa ortodossa russa, l’arcidiacono Andrei Kuraiev, aveva peraltro riservato alla pop star americana l’epiteto – apertis verbis – di “puttana straniera”.

Altro fronte caldo per la cantante americana sarà rappresentato dalle aspettative dei supporter gay. Da quelle parti infatti è considerato reato, assimilabile addirittura all’estremismo, “fare propaganda omosessuale in pubblico”. Madonna, che spesso interviene a favore della comunità Lgbt, non può tirarsi indietro. I gay di San Pietroburgo avevano sperato nell’annullamento del suo concerto. Adesso le chiedono come minimo di dire qualcosa. 

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Siria, ad Aleppo avanza l’esercito di Assad. I ribelli scelgono la ritirata

next
Articolo Successivo

Francia, il 15 agosto una preghiera contro matrimoni e adozioni gay

next