I finanzieri del Comando provinciale di Napoli hanno eseguito un decreto di sequestro preventivo per equivalente, finalizzato alla successiva confisca, emesso dal gip del tribunale di Napoli per circa 9 milioni di euro, tra beni immobili e partecipazioni societarie riconducibili a Valter Lavitola e al senatore Sergio De Gregorio. Entrambi sono accusati di aver indebitamente percepito dal Dipartimento per l’editoria della presidenza del consiglio contributi per circa 23 milioni di euro attraverso la International press, società editrice della testata. 

Le somme sequestrate al faccendiere ed ex direttore de L’Avanti! e all’uomo politico del Pdl, sono state reperite in vari istituti di credito fra Napoli e Roma.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te

In questi tempi difficili e straordinari, è fondamentale garantire un'informazione di qualità. Per noi de ilfattoquotidiano.it gli unici padroni sono i lettori. A differenza di altri, vogliamo offrire un giornalismo aperto a tutti, senza paywall. Il tuo contributo è fondamentale per permetterci di farlo. Diventa anche tu Sostenitore

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Caserta, 300 falsi incidenti per truffare le assicurazioni: 36 arresti, 200 indagati

next
Articolo Successivo

Chieti, anziana di 72 anni spara per evitare lo sfratto: ferito figlio proprietario casa

next