Il boss della mafia italoamericana Rosario Gambino, 70 anni, implicato in traffici di droga internazionali e coinvolto e condannato in America a seguito dell’inchiesta Pizza Connection, è stato scarcerato ieri sera dalla casa circondariale di Parma. Ne ha dato notizia il Tgr Rai dell’Emilia Romagna, spiegando che la scarcerazione di Gambino è dovuta all’annullamento con rinvio della sua condanna deciso dalla Cassazione lo scorso aprile.

Gambino, condannato dalla Corte di Appello di Palermo il 3 dicembre 2010 a vent’anni di reclusione per associazione semplice finalizzata al narcotraffico con l’aggravante di aver commercializzato grosse quantità di coca, era stato oggetto del primo mandato di cattura da parte del giudice Giovanni Falcone nel 1980 nell’indagine Pizza Connection su mafia e droga. La Suprema Corte, recentemente e per quattro volte, ha già annullato con rinvio la custodia di Gambino per quanto riguarda la violazione delle disposizioni sulla custodia cautelare in base alle quali, ad avviso dei supremi giudici, erano ampiamente decorsi i termini di fase dal momento che il mandato di arresto, ottenuto dall’Italia, era per associazione semplice e non mafiosa.

Il boss è stato condotto in questura a Parma, dove gli è stato notificato l’obbligo di dimora a Palermo e il divieto di espatrio. Lo hanno accompagnato la figlia e la nipote. Il boss manca da Palermo da 50 anni. Per Gambino, rientrato in Italia perché espulso dagli Usa nel 2009, si tratta della seconda scarcerazione dal penitenziario parmigiano. La prima risale al 25 ottobre 2011: due giorni dopo gli uomini della squadra mobile di Roma lo arrestarono in una clinica della capitale su ordinanza di custodia cautelare in carcere emessa dalla Corte d’Appello di Palermo. Nell’ambito dell’operazione Pizza Connection, Gambino fu condannato a 45 anni di detenzione negli Stati Uniti per un ingente traffico di eroina con un giro di affari annuo pari a circa 600 milioni di dollari.

Il Fatto di Domani - Ogni sera il punto della giornata con le notizie più importanti pubblicate sul Fatto.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Serramazzoni, un paese senza sindaco e con il record di reati pro capite

next
Articolo Successivo

10mila in piazza con la Littizzetto per raccogliere fondi sul terremoto (video)

next