Dalla festa alla follia il passo è stato breve. Ieri sera una bambina è stata ferita ad una spalla da un proiettile vagante esploso per festeggiare la vittoria dell’Italia. Così la piccola, di soli 10 anni, da ieri sera si trova ricoverata in prognosi riservata nell’ospedale della sua città. E’ successo a Como.

Appena l’arbitro ha decretato la fine dell’incontro in tutta Italia migliaia di persone si sono riversate nelle piazze per dare vita a pazzi caroselli che hanno sottolineato rumorosamente la vittoria degli azzurri nella semifinale dell’europeo. Ma, mentre a Varsavia Balotelli & co staccavano il biglietto per la finale, nella città lombarda probabilmente i clacson non sono bastati all’uomo che ha pensato di sparare dei colpi in aria con la propria arma. Uno dei proietti ha colpito la piccola, che è in condizioni gravissime, ma si salverà.

Secondo la ricostruzione delle forze dell’ordine, poco prima della mezzanotte l’autore del gesto avrebbe esploso almeno un colpo d’arma da fuoco, nella zona di Monte Olimpino, centrando un’auto in transito in via Bellinzona. Il proiettile ha sfondato il lunotto posteriore della vettura, colpendo la bambina tra la spalla e la nuca. La ragazzina, che stava rientrando verso casa assieme ai genitori, si è messa ad urlare. Perderva sangue. Il padre quindi della piccola si è diretto immediatamente all’ospedale. Dopo le prime cure i medici la hanno dichiarata fuori pericolo di vita e nelle prossime ore verrà sottoposta a un intervento chirurgico per l’asportazione del proiettile. In tutto il comasco intanto è stata aperta la caccia all’uomo. Le forze dell’ordine, impegnate in posti di blocco fin dai primi minuti successivi all’episodio, hanno fatto capire che l’autore del gesto ha le ore contate.

 

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L'abbiamo deciso perchè siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un'informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Milano, pestarono un uomo per strada: arrestati 2 agenti, incastrati da un video

next
Articolo Successivo

Frode fiscale, il ministro Corrado Passera indagato dalla procura di Biella

next