Ormai in nomination da mesi, la Grecia potrebbe uscire dall’Europa a giorni: si attendono i risultati del televoto, ma ormai per broker e operatori finanziari è cosa fatta. Ciò significa il ritorno sui mercati della Dracma, che i tecnici assicurano non sarà poi così svalutata: anzi il cambio sarà favorevole, specie in soldi del Monopoli.

Lo scenario prevede una Grecia alla deriva la quale, staccandosi e uscendo dall’Europa per quello che i geologi chiamano “effetto Merkel” (che passa così da “culona inchiavabile” a “tettonica a zolle”), andrebbe verso l’Africa con un approdo previsto entro l’anno fra la Libia e l’Egitto.

In tutto questo i greci (che ricordiamo essere senza governo da mesi) appaiono comprensibilmente smarriti; e quando hanno provato a chiedere aiuto alla Bce, Draghi per telefono gli ha fatto sentire il rumore degli spicci nelle sue tasche: “E’ l’Euro bellezza, e tu non ci puoi far niente!”.

Ma il popolo ellenico non si arrende (“che non si dica che siamo capaci solo a fare tragedie!”); e dopo numerosi tentativi falliti hanno finalmente un piano: Zeman alla Grecia.

Il boemo infatti si sarebbe detto disponibile a rinunciare all’incarico alla Roma per guidare il paese in qualità di deus ex machina ad interim. Ovviamente la ricetta Zeman non prevede nessuna concessione al rigorismo europeo, bensì la Grecia tutta in attacco; e già si prevede una Borsa spettacolo, con il dollaro che chiude sull’Euro 13 a 0. Ma Zeman è anche pragmatico: e se la Grecia dovesse uscire dall’Europa spera almeno in una qualificazione in Uefa.

Intanto però un altro caso ha travolto la penisola: gli ellenici infatti sono stati tutti arrestati (per ora ai domiciliari) in seguito all’inchiesta dell’Interpol sui popoli corrotti che truccherebbero l’esito dell’economia del loro paese (non pagando le tasse, non reinvestendo capitali…) per poi scommettere in Borsa sul loro stesso fallimento. Indagati anche italiani e spagnoli.  

Il Misfatto, 10 Giugno 2012

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Una maglia, due campioni

next
Articolo Successivo

La sharia per gli evasori totali? Parliamone

next