“Sugli esodati abbiamo sbagliato, tutti sbagliamo”. Nel giorno in cui il Senato dà il via libera definitivo alla riforma del mercato del lavoro, il ministro Elsa Fornero, a Radio24, ingrana la retromarcia sulla spinosa questione degli “esodati”, ossia, di quei lavoratori over 50 espulsi dal mercato dal lavoro e non ancora ammessi in pensione in conseguenza della riforma del sistema pensionistico. E spiega: “L’errore è stato fatto perché abbiamo dovuto agire in fretta“. Perché, la riforma delle pensioni è stata fatta “in 20 giorni visto che il Paese era sull’orlo di un baratro finanziario. Questo la gente l’ha già dimenticato”.

“Non abbiamo avuto il lusso di un tempo di riflessione più lungo perché altri governi in precedenza si erano presi il lusso di tempi di gradualismo eccessivi e molto, molto lunghi”, dice Fornero ammettendo che “in corso d’opera” il governo ha capito che “il numero era più alto di quanto preventivato”. “Abbiamo dovuto agire in fretta. Mi hanno dato una cifra sbagliata? Non so, forse. Ma non mi metto subito a imputare”.

Compito del governo, ora, è quello di “risolvere il problema di quelli che sono più prossimi alla pensione”, sottolinea il ministro. L’esecutivo dovrà cercare “modalità eque per risolvere il problema di quelli che non sono compresi in questi primi 65.000“.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Lavoro, il Senato approva ddl. Monti: “Riforma di profonda struttura”

prev
Articolo Successivo

Istat: disoccupati al 10,9%, top dal ’99. Persi 38mila posti in un mese

next