Il  Sindaco  di  Bologna, Virginio Merola, ha disposto la chiusura dei nidi comunali,  delle  scuole  dell’infanzia comunali e statali, delle scuole primarie e secondarie di primo grado e secondo grado statali nel territorio comunale di Bologna per giovedì 31 maggio e venerdì 1° giugno. Il  provvedimento  non  riguarda  le  scuole  private (paritarie e non): il Comune  di  Bologna invita pertanto i gestori, in quanto responsabili delle strutture,  ad  effettuare  tutte  le  verifiche  necessarie a garantire la sicurezza delle persone prima dell’eventuale ripresa delle attività.

“La   necessità   del   massimo  rigore  nei  controlli  delle  scuole,  in applicazione  del  principio di precauzione e di tutela dell’incolumità dei bambini  e dei lavoratori, ci impone questa scelta – ha dichiarato Merola  –  Ben comprendendo i disagi di organizzazione familiare  che  può  comportare  la  chiusura delle scuole, faccio un forte appello  a  tutti i datori di lavoro affinché, in questi giorni, tengano un atteggiamento  di  massima  disponibilità nei confronti delle lavoratrici e dei lavoratori per consentire loro una più semplice conciliazione dei tempi di  vita  e di lavoro. Ho dato già nei giorni scorsi analoga indicazione ai dirigenti  del  Comune  di Bologna sia in relazione alle esigenze familiari dei  dipendenti  comunali,  sia  in riferimento ai non pochi lavoratori che provengono dalle zone maggiormente interessate dal sisma. Nel  ribadire  il  ringraziamento al personale delle scuole per la gestione della  complessa giornata di ieri, voglio ringraziare i tecnici del Comune, la  Protezione  civile,  la  Polizia  municipale,  le Forze dell’ordine e i bolognesi  che,  ancora  una  volta,  hanno  dimostrato di saper affrontare l’emergenza  in  città  e al contempo aver offerto la disponibilità in vari modi,  sin  da subito, nei confronti dei territori maggiormente colpiti dal sisma”.

Proseguirà solo fino a domani la chiusura delle scuole di ogni ordine e grado nel territorio del Comune di Modena. La decisione e’ stata presa dal Comitato operativo comunale, in accordo con i tecnici del settore Lavori pubblici, per consentire il completamento delle verifiche sugli edifici, a seguito delle frequenti scosse di terremoto. Per quanto riguarda gli istituti superiori del capoluogo, la decisione e’ stata presa in accordo con la Provincia di Modena.

“Per i giorni successivi si deciderà in base ai risultati delle verifiche, sebbene allo stato attuale non siano stati evidenziati problemi negli edifici scolastici”, afferma Pier Giuseppe Mucci, responsabile della Protezione civile nell’ambito del Comitato operativo comunale.

“Dato il fenomeno sismico ancora in corso, anche nei prossimi giorni rimarrà uno stato di preallarme – aggiunge Mucci – e in caso di necessita’ saranno ripetute le procedure di evacuazione gia’ messe in atto dopo le scosse di ieri e le successive verifiche tecniche”.

A Reggio Emilia e Ferrara già dal 31 maggio le lezioni riprenderanno regolarmente.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Terremoto in Emilia, a San Felice pericolo di crollo per la Rocca Estense (gallery)

next
Articolo Successivo

Azienda del legno con il pretesto del terremoto scappa in Romania

next