In piazza Tahrir torna ad essere il teatro delle proteste per gli egiziani. Il primo turno delle elezioni presidenziali ha un gusto amaro per i rivoluzionari: passano al secondo turno Mohammed Mursi, il candidato del partito islamista legato ai Fratelli Musulmani, e Ahmed Shafiq, l’ultimo primo ministro del ex dittatore Mubarak. “Due pessime scelte” commenta una giovane nel quartiere residenziale di Dokki. Sabbahi, candidato liberale legato ai movimenti di piazza, rimane fuori dal ballottaggio per uno 0,3%. Se per i Fratelli Musulmani, al secondo turno, si profila uno scontro rivoluzione contro regime, per molti l’elezione del presidente sarà religione contro società secolare  di Cosimo Caridi

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Presidenziali in Egitto, disordini al Cairo: un uomo si dà fuoco

next
Articolo Successivo

Strage di Hula. Espulsi diplomatici siriani da 9 paesi europei e da Washington

next