In piazza Tahrir torna ad essere il teatro delle proteste per gli egiziani. Il primo turno delle elezioni presidenziali ha un gusto amaro per i rivoluzionari: passano al secondo turno Mohammed Mursi, il candidato del partito islamista legato ai Fratelli Musulmani, e Ahmed Shafiq, l’ultimo primo ministro del ex dittatore Mubarak. “Due pessime scelte” commenta una giovane nel quartiere residenziale di Dokki. Sabbahi, candidato liberale legato ai movimenti di piazza, rimane fuori dal ballottaggio per uno 0,3%. Se per i Fratelli Musulmani, al secondo turno, si profila uno scontro rivoluzione contro regime, per molti l’elezione del presidente sarà religione contro società secolare  di Cosimo Caridi

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Presidenziali in Egitto, disordini al Cairo: un uomo si dà fuoco

prev
Articolo Successivo

Strage di Hula. Espulsi diplomatici siriani da 9 paesi europei e da Washington

next