La disoccupazione continua ad affliggere l’Unione Europea e nei prossimi mesi, come ha annunciato la Bce, i dati continueranno a peggiorare. Un problema grave che colpisce anche l’Italia e su cui la Ue ha le sue responsabilità. Lo ha detto il ministro dello Sviluppo Corrado Passera, che questa mattina all’assemblea di Rete Imprese Italia ha portato alla luce “il disagio sociale e diffuso legato alla mancanza di lavoro in Italia, più ampio di quello che le statistiche dicono”. Si tratta di una situazione che mette “a rischio la tenuta economica e sociale del Paese”.

“Se mettiamo insieme disoccupati, inoccupati, sottoccupati e sospesi – ha ricordato il ministro- arriviamo a 5-6- forse 7 milioni di persone”. Cifre che aumentano “se moltiplichiamo per i loro familiari arriviamo alla metà della nostra società. Non sono soltanto a rischio i consumi e gli investimenti ma anche tenuta economica e sociale del Paese”. 

Passera ha poi bacchettato l’Unione europea per come ha affrontato finora la crisi perché “non ha fatto la sua parte adeguatamente negli ultimi tanti mesi” e “non ha saputo garantire se stessa, ma adesso deve dimostrare di saper garantire se stessa e anche i più deboli”. Bruxelles inoltre “deve smettere di parlare di crescita e fare qualcosa con gli investimenti, distinguendo ciò che è spesa e ciò che è investimento”. C’è molta fiducia da parte del ministro verso il presidente del Consiglio Mario Monti che, “grazie al prestigio ed alla credibilità recuperata sulla scena internazionale, saprà farsi ascoltare dall’Unione europea”. 

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Fiamme Gialle, da inizio 2012 scoperte evasioni di colletti bianchi per 190 milioni

prev
Articolo Successivo

Bisogna scrivere dei suicidi?

next