Questo non è un governo tecnico, ma il governo più politico degli ultimi vent’anni della storia italiana, che sta riuscendo dove hanno fallito altri governi politici e di destra. Monti riesce a fare il lavoro sporco che altri non hanno fatto. E ciò è testimoniato dal fatto che in pochi mesi questo governo ha fatto passare cose che la destra berlusconiana non è mai riuscita a fare.

Non è una novità nella storia repubblicana. In tutti i momenti di crisi della Repubblica, governi sedicenti tecnici hanno imposto provvedimenti di destra: l’abolizione della scala mobile fatta da Ciampi, la riforma delle pensioni di Dini (che non era riuscita a Berlusconi) ed oggi questo esecutivo vuole cancellare l’articolo 18 dello Statuto dei Lavoratori, dopo che, esattamente 10 anni fa, Berlusconi fu fermato dalla enorme manifestazione promossa da Cofferati.

I governi tecnici non hanno il problema del consenso e, dunque, oltre a essere politici e reazionari non sono democratici. Per questo avremmo preferito le elezioni ed oggi chiediamo che sia restituita la parola al popolo sovrano affinché possa scegliere democraticamente le ricette che ritiene migliori per uscire dalla crisi.

Noi, comunque, ci batteremo contro questo governo, perché con le sue politiche di austerità sta aggravando la crisi ed è giunto il momento per la sinistra di andare in piazza per dire con chiarezza queste cose. Molti esponenti di Sinistra Ecologia e Libertà saranno presenti in piazza ed interverrà anche l’Italia dei Valori. La manifestazione è aperta a tutte le forze che si oppongo al governo ed hanno aderito tante persone, anche esterne alla Federazione della Sinistra: Margherita Hack, Franca Rame, Gianni Rinaldini, Alessandro Dal Lago, Gianni Ferrara, Citto Maselli, Valentino Parlato, Vauro…

Parteciperanno anche autorevolissimi esponenti delle formazioni politiche europee di sinistra, grandi protagoniste, in molti casi, delle ultime tornate elettorali. Ci sarà Pierre Laurent, Segretario nazionale del Partito Comunista francese, la principale formazione del Front de Gauche, che ha raggiunto un risultato storico con Mélenchon ed ha contribuito alla vittoria di Hollande. Ci saranno anche la Linke tedesca, il Partito Comunista Portoghese e Syriza, la formazione della sinistra greca che ha avuto una straordinaria affermazione elettorale.

L’appuntamento è, dunque, a Piazza della Repubblica, ore 14.00, sabato 12 maggio. Sfileremo in corteo sino al Colosseo, dove oltre agli interventi politici ascolteremo la musica di Enrico Capuano, Andrea Rivera e Cisco.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Freccero: “Grillo è il nostro sismografo, siamo di fronte a un terremoto”

prev
Articolo Successivo

Monti a Napolitano: “L’Italia ce la farà”. Ma per Confindustria ripresa più lontana

next