Inizia la “guerra” di festival d’inizio estate a Bologna. A dar fuoco alle polveri dell’anticipazione, con un’inedita due serate di presentazione al Lumiere, gioca d’anticipo di un mese e mezzo la Cineteca di Bologna per presentare sezioni, ospiti e film ritrovati e restaurati dell’edizione 2012 che si terrà in città dal 23 al 30 giugno, con una leggera retrodatazione rispetto al solito per via del concerto Radiohead.

Il caschetto della birichina Louise Brooks campeggia sul manifesto ufficioso, quello ufficiale vedrà lo squarcio newyorchese di C’era una volta in America restaurato di Sergio Leone, dell’edizione numero ventisei che vedrà una sorta di doppio binario ad accompagnare le giornate del festival e le due serate di anticipazione.

Paradiso dei cinefili e Macchina del tempo, le macroaree presentate al Lumiere giovedì 10 e venerdì 11. La prima sera (ore 20 – ingresso gratuito), il direttore della Cineteca Gian Luca Farinelli e Roy Menarini, curatore della sezione La cinefilia ritrovata, tracceranno il profilo dell’edizione 2012, il tutto condito dal “Quiz del cinefilo”, che metterà in palio 10 accrediti al festival.

Seconda serata, venerdì 11 maggio, con un doppio appuntamento: alle ore 20.15, Mariann Lewinski, curatrice della sezione Il cinema di cento anni fa, presenterà “le ultime novità dal passato” e i primi albori del genere poliziesco nel 1912. A seguire, alle ore 22.15 (serata a ingresso gratuito per chi sottoscriverà l’abbonamento al festival), il direttore artistico del Cinema Ritrovato Peter von Bagh introdurrà la proiezione di Tamburi lontani, pellicola del 1951 firmata da Raoul Walsh, il cui cinema sarà grande protagonista dal 23 al 30 giugno.

Così in questa nuova veste rientrano le punte di diamante dell’edizione 26 che avrà come ospite d’onore John Boorman e il restauro di Senza un attimo di tregua, da vedere rigorosamente con la testa inclinata per poter riporre luoghi, personaggi e oggetti del quadro nella classica posizione orizzontale, cosa che Boorman all’epoca, in pieno clima ribellistico, reputò scelta un tantino superata.

Ecco poi l’evento C’era una volta in America di Sergio Leone, La grande illusione di Jean Renoir, Lawrence d’Arabia di David Lean, Film di Samuel Becket con Buster Keaton. E ancora la ricerca del colore nei film e i muti musicali: Prix de Beauté di Augusto Genina, ultimo film europeo interpretato da Louise Brooks, tre cortometraggi di Charles Chaplin (The Immigrant, The Rink e Easy Street), saranno accompagnati dal vivo, ancora dall’Orchestra del Teatro Comunale di Bologna, i film di Jean Grémillon e di Ivan Pyr’ev e della moglie di Hitchcock, Alma Reville.

Altra novità del 2012 per la Cineteca divenuta Fondazione: al Cinema Ritrovato non ci saranno solo film ma una “striscia” quotidiana dedicata alla Cinefilia ritrovata (incontri e proiezioni per riflettere sull’amore per il cinema come fenomeno storico, come attitudine intellettuale e sentimentale). Come ogni anno, Il Cinema Ritrovato chiamerà a raccolta i più autorevoli critici e studiosi di cinema internazionali per discutere, ascoltare e confrontarsi sulla cinefilia del passato e del presente, interrogandosi su cosa stia diventando il nostro antico amour du cinéma nell’era della copia digitale.

E infine le mostre: gli scatti di Mario Dondero sui set cinematografici; Il cinema di carta, con i manifesti di Maurizio Baroni, la cui infinita collezione accompagnerà per otto giorni i cinefili di tutto il mondo: in esposizione nei luoghi della Cineteca le affiche di Lola di Jacques Demy con Anouk Aimée, Lawrence d’Arabia e I giorni contati di Elio Petri. 

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Il giardino dei Finzi Contini 50 anni dopo. Una mostra sul libro di Bassani che fu film da Oscar

prev
Articolo Successivo

Gli Humanescape di Bolognesi. Quando le figure femminili raccontano la perdita d’umanità (foto)

next