La penosa storia del finanziamento ai partiti: da un lontano referendum tradito agli scandali Lusi e Belsito, dal falso stupore dei segretari ai buoni propositi di controlli e tagli, dallo stop and go più indecente che si trascina da mesi al tecnico Giuliano Amato, pensionato a 31.000 euro al mese, che, forte della scuola di Bettino Craxi, sistemerà tutto alla socialista d’antan.
La poesia è stata ispirata dal fondo di Marco Travaglio, al quale va il mio ringraziamento, “I revisori dei Monti, uscito su il Fatto Quotidiano del 4 maggio 2012.

I tre tenori

Grazie a Lusi Casini si è incazzato:
Riformare i partiti è necessario
e l’uso dei quattrin va controllato.
Prepareremo un nuovo abbecedario

con Alfano e Bersani, i miei colleghi!
E tutti in coro: “Immediatamente!
Peccato che il terzetto si rinneghi
poiché, per un bel po’riman silente.

Grazie a Belsito torna il trio faceto:
E’ molto urgente fare questa legge,
tanto urgente da farla per decreto!
Bersani: “Priorità! Saremo schegge!

Casini: “Ok, dalle parole ai fatti!
Angelino: “Sfondate porte aperte!
Darsi da far con i rimedi adatti!
tuonando, Giorgio il bel terzetto avverte.

Poiché il decreto, ahimé, non si può fare,
senza passar dall’aula si proceda.
Soltanto in commission dovrem votare
e in un amen vogliamo che succeda!

Arriva un testo pieno di cazzate
prontamente bocciato dagli esperti,
tutte la norme van riformulate
ed al sentirle molto ti diverti:

A babbo morto arrivano i controlli
e i rimborsi non vengono ridotti“.
Tagliare i fondi? Sono cose folli!“,
affermano le tre bande Bassotti.

Ma ad un tratto Bersani sogna Grillo
e decide di dimezzare i fondi.
Azzeriamoli!“, dice Alfano arzillo
e sembra che Casini lo assecondi.

I segretari fanno i generosi,
ma i tesorieri son senza quattrini.
Passano giorni molto burrascosi
e non decidon nulla gli uni e i trini,

la Santa Trinità che ci dileggia.
A questo punto il tecnico arrivato
dalla Bocconi, lesto come scheggia,
s’inventa un nuovo gioco per Amato:

studiar questa materia assai complessa.
Colui che munge mille euro al giorno
a una nazion a economia depressa
agli anni giovanili fa ritorno,

quando il debito Craxi raddoppiava,
piovevano quattrin su ogni partito,
e in un mar di tangenti si nuotava,
senza che il buon Giulian muovesse un dito.

E così, senza il minimo imbarazzo,
di giorno in giorno tutto si rimanda
e ai tre tenori non importa un cazzo
di una fin che si annuncia miseranda.

Mentre Giorgio continua a far richiami
e Beppe Grillo li sputtana tutti,
noi dovremo votare questi infami
fra lor scegliendo i meno farabutti.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Ti amo campionato – 36^ giornata

next
Articolo Successivo

Non piangere Nicolas

next