Dopo lo “spread” e la “moral suasion”, un nuovo must anglofono arricchisce le nostre conversazioni: “spending review”.

Review, rivista: evoca plotoni di soldati sull’attenti, sottoposti all’occhio pignolo del sergente maggiore. Spending: richiama il dilagante tasso di italiani (classe dirigente inclusa, tutti meno Monti) che non sa l’inglese”. Ma sei sicuro che si dice spending? Non è come dire ‘dear’ invece che ‘expensive’? Si dice proprio spending. Così, arrivati alla fine del mese, in debito di contanti e prima di ingrassare le banche andando in rosso (red?), possiamo invitare la famiglia ad uno “spending review day”: da domani basta ristoranti vacanze fiori. Tutti in bici per risparmiare benzina.

Niente stadio teatro cinema. Più mortadella che San Daniele, più spalla che Parmacotto. È la strage del superfluo, l’ascesi coatta del cittadino medio sottoposto a crisi economica. Hard? Niente paura, se partecipate al gioco “segnalate uno spreco” (point out a waste) sul sito del Governo Tecnico (technical killers gang) i soldi, prima o poi, ricominceranno a girare, le tasse scenderanno e potrete farvi una pizza almeno a Natale. Nell’attesa: don’t worry, be happy (come dice la canzone).

Il Fatto Economico - Una selezione dei migliori articoli del Financial Times tradotti in italiano insieme al nostro inserto economico.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Pier Silvio Berlusconi: “Lascio cda Fininvest per entrare in Mediobanca”

next
Articolo Successivo

Caro Bondi taglia gli F35

next