La Cina decide di allargare la banda di oscillazione dello yuan per la prima volta dal 2007 e continua ad allentare il controllo sui flussi dei capitali. La seconda economia mondiale crede che riuscirà ad evitare quel rallentamento brusco temuto dai mercati finanziari occidentali.

In collegamento da Lugano Roberto Mannati, responsabile della gestione di Global Opportunity Investments.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Come reagiamo al suicidio dell’Europa?

next
Articolo Successivo

Fondiaria Sai: i pm chiedono il fallimento della società cassaforte di Ligresti

next