La Cina decide di allargare la banda di oscillazione dello yuan per la prima volta dal 2007 e continua ad allentare il controllo sui flussi dei capitali. La seconda economia mondiale crede che riuscirà ad evitare quel rallentamento brusco temuto dai mercati finanziari occidentali.

In collegamento da Lugano Roberto Mannati, responsabile della gestione di Global Opportunity Investments.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Come reagiamo al suicidio dell’Europa?

prev
Articolo Successivo

Fondiaria Sai: i pm chiedono il fallimento della società cassaforte di Ligresti

next