La Cina decide di allargare la banda di oscillazione dello yuan per la prima volta dal 2007 e continua ad allentare il controllo sui flussi dei capitali. La seconda economia mondiale crede che riuscirà ad evitare quel rallentamento brusco temuto dai mercati finanziari occidentali.

In collegamento da Lugano Roberto Mannati, responsabile della gestione di Global Opportunity Investments.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te

In questi tempi difficili e straordinari, è fondamentale garantire un'informazione di qualità. Per noi de ilfattoquotidiano.it gli unici padroni sono i lettori. A differenza di altri, vogliamo offrire un giornalismo aperto a tutti, senza paywall. Il tuo contributo è fondamentale per permetterci di farlo. Diventa anche tu Sostenitore

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili