Dopo l’ultimo venerdì nero in cui lo spread tra titoli italiani e tedeschi era tornato a salire chiudendo a quota 379 punti base e Piazza Affari aveva chiuso a -3,43 per cento, la settimana apre nuovamente sotto fosche previsioni. Oggi il differenziale di rendimento tra Btp e Bund ha aperto a 377 punti base per poi schizzare subito oltre i 385 arrivando a sfondare quota 390 e chiudere a 388.

Tenta il rimbalzo la borsa di Milano dopo un fine settimana di perdite in cui sono andati bruciati 11 miliardi di euro. Il Ftse mib finisce la giornata in positivo a 0,36% come l’All share. Nonostante lo spread sia alto, i titoli degli istituti di credito sembra abbiano frenato l’ondata di vendite della settimana scorsa. Intesa perde lo 0,39%. Unicredit guadagna lo 0,1%. Monte dei Paschi cala del 4,43%, Mediobanca perde lo 1,75%. Contrastati i titoli energetici. Saipem guadagna il 2,21% dopo la conclusione di un contratto da 350 milioni di dollari in Arabia Saudita, avvenuta venerdì scorso. Bene anche quasi tutti i titoli industriali: Impregilo guadagna lo 0,69%, Fiat l’1,05%, Fiat Industrial l’2,19% dopo voci di una possibile quotazione del titolo sul mercato di Wall street. Pirelli guadagna il 2,97%. Finmeccanica perde il 2,34% dopo giorni di continue salite per le indiscrezioni su una trattativa in corso con la giapponese Hidachi, per la cessione di una quota di Ansaldo Breda. Positivi anche i titoli del lusso.

Inizio di settimana negativo alla Borsa di Tokyo, tornata a perdere in seguito a due sedute in rialzo consecutive. La tendenza in calo è stata dettata soprattutto delle rinnovate apprensioni degli investitori nipponici per la crisi debitoria nell’Eurozona, e in particolare per la situazione della Spagna. La Borsa di Madrid sulle montagne russe, partiva subito negativa, arrivava sopra l’ 1%, e ora termina in rosso al -0,57%. Il costo per assicurarsi dal rischio di default della Spagna attraverso i “credit-default swap” tocca il nuovo record storico di 521 punti sulla piattaforma Cma, secondo quanto riferisce Bloomberg. In deciso rialzo anche i Cds sull’Italia a 443 punti, ai massimi da tre mesi.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Ministro Fornero, gli esodati li ha creati lei

prev
Articolo Successivo

L’energia di Monti sotto
il segno della Bce

next