“Di certo in Romagna non si è attesa la Pasqua per fare la pulizia, pulizia, pulizia invocata da Maroni”. Gianluca Pini, segretario maroniano della Lega Romagna, conferma all’Adnkronos che a fine gennaio il capogruppo della Lega Nord di Forlì, Francesco Aprigliano, era stato espulso dal Carroccio per “indegnità”. Le ragioni, nero su bianco, sono state formalizzate solo venerdì scorso e tra le motivazioni scritte nel dispositivo adottato dal direttivo nazionale della Lega romagnola, in possesso dell’Adnkronos, si trovano accuse pesantissime nei confronti dell’ex capogruppo, considerato cerchista e braccio destro di Rosi Mauro quando lei era reggente in Emilia.

“Ma non sarebbero quelli scritti nel documento di espulsione, per quanto gravi, gli unici motivi per i quali Aprigliano doveva essere allontanato con urgenza. Mandarlo via era necessario per il buon nome del movimento”, assicura Pini.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Lega nella bufera per i fondi neri. Tutti contro Alessandri: “Era lui che gestiva la cassa”

next
Articolo Successivo

Dietrofront della Curia: “E’ il bambino che rifiuta l’ostia”

next