Comincia sabato 16 marzo, negli spazi del centro sociale Forte Prenestino di Roma, e va avanti fino a lunedì. Stiamo parlando di Enotica, una maratona di tre giorni all’insegna del vino e dell’eros. Il motto del festival (qui il programma), “La seduzione attraverso l’arte, il gusto e la musica. Impariamo ad ascoltare i nostri sensi” promette un intreccio tra cultura, vino, arte e sessualità: “Abbiamo voluto mettere in scena questo connubio – spiegano gli organizzatori – per ridare attualità a riti antichissimi: il vino da sempre e in ogni cultura è spirito afrodisiaco dell’amore, riposo dei guerrieri, sacra offerta agli dei, linfa di cultura, motore di ispirazione, ebbrezza dell’arte in ogni sua forma” (vai al sito).

La manifestazione è frutto dell’esperienza dell’Enoteca Forte Prenestino che dal 2004, con la prima edizione di “Terra e Libertà/Critical Wine” dell’anarco-enologo Luigi Veronelli, ha come obiettivo quello di contrastare le catene di distribuzione: “Vogliamo contribuire a creare un circuito virtuoso – spiega Veronelli – tra qualità dell’ambiente, qualità della produzione e qualità delle relazioni sociali. Per rendere pratica questa ricerca il nostro movimento propone un catalogo di autocertificazione, ossia il diritto/dovere di indicare l’origine delle materie prime, la loro tipologia, i metodi di trasformazione, di conservazione e di confezionamento usati c. E occorre anche evidenziare la denominazione comunale d’origine, in modo che la produzione e la provenienza siano garantite e certificate dal sindaco: solo così si riesce a localizzare le responsabilità relative ai rapporti di produzione, alla qualità e ai prezzi dei prodotti”.

Tutto questo, secondo Veronelli, è possibile attraverso un rapporto diretto con i produttori, senza intermediari, e centrale diventano quindi l’attenzione per la terra e il rifiuto dell’agricoltura industriale, la valorizzazione delle diversità del territorio e la ricerca di un “vino critico”, cioè appunto di provenienza certificata, che non speculi sul prezzo, che rispetti l’ ecosistema e che non sia filtrato e deviato dalla produzione industriale di massa (sabato e domenica mattina, al mercato Terra Terra, si potranno acquistare prodotti del genere). In un contesto così sensibilizzato, in un ambiente giovane e alternativo ma concentrato sulla qualità, a Enotica si alterneranno dibattiti, djset, concerti, spettacoli, sfilate di moda e soprattutto, ogni giorno, degustazioni di vini provenienti da più di quaranta produttori biologici e biodinamici da tutta Italia. E per i più curiosi, venerdi 17, torna il format “Bidibi Bodibi Burlesque”, una performance dedicata al new burlesque per rafforzare la stimolazione dei sensi. Tutti i sensi.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Slow foot, viaggi
a km zero

next
Articolo Successivo

Esiste ancora la Dieta Mediterranea?

next