“Alfano voleva creare il caso, vogliono solo strumentalizzare ed è la cosa che mi fa più schifo della politica”. Le parole pronunciate nel pomeriggio dal ministro della Cooperazione, Andrea Riccardi, hanno fatto scoppiare un vero e proprio caso politico: Gasparri ha immediatamente chiesto la smentita o le dimissioni del ministro, Cicchitto lo ha accusato di doppiezza mentre per Brunetta “disprezzare la politica è disprezzare la democrazia”. E in serata sono arrivate le scuse di Riccardi che si è giustificato dicendo che “si è trattato di battute, estrapolate nel corso di una conversazione informale”.

Il colloquio tra Riccardi e il ministro della Giustizia Paola Severino, intercettato dai cronisti al Senato, si riferiva al mancato vertice di questa sera tra i leader dei partiti e Mario Monti. “Alfano – ha detto Riccardi – voleva solo creare il caso. Vogliono solo strumentalizzare ed è la cosa che mi fa più schifo della politica  ma quei tempi sono finiti. Loro hanno grossi problemi nel trovare l’accordo sulla legge elettorale”.

La reazione del Pdl è stata molto polemica: Maurizio Gasparri, tra i primi a chiedere la smentita e soprattutto le dimissioni del ministro, ha atteso le scuse ufficiali del ministro. Poi non ha comunque ritrattato sulla richiesta di dimissioni: “Le scuse sono apprezzabili. Non è stata una bella affermazione, sulle dimissioni valuteremo”. Ancora più netto Cicchitto, capogruppo alla Camera: “Se al Ministro Riccardi facciamo schifo può benissimo prendere definitivamente le distanze da noi dimettendosi. In caso diverso metterebbe in evidenza una straordinaria dose di doppiezza e di opportunismo continuando a fare il ministro con il voto di chi disprezza”.

“Al ministro pro tempore Andrea Riccardi – ha dichiarato Renato Brunetta – dico che tutte le opinioni sono lecite, ma il disprezzo della politica è il disprezzo della democrazia. Un ministro in carica che non ha mai ricevuto un mandato popolare farebbe bene a misurare anche quel che pensa. Farebbe meglio a dedicarsi ad altro”.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Primarie Pd Palermo, Ferrandelli contro la stampa: “Non sono l’amico di Lombardo”

next
Articolo Successivo

Formigoni: “Nessun complotto magistrati vicenda Boni strumentalizzata dai media”

next