“Fuori dalla direttiva non si può andare e non si possono chiedere deroghe”. E’ quanto ha affermato il ministro del Turismo Piero Gnudi, rispondendo ai cronisti che a Bologna gli domandavano se sia possibile per il governo italiano chiedere una deroga alla direttiva Bolkenstein sulle concessioni balneari.     Ribadendo che “bisogna trovare delle soluzioni che siano praticabili e non penalizzino il settore”, il ministro si è anche detto soddisfatto per la decisione dell’Unione Europea di chiudere la procedura di infrazione aperta contro l’Italia sul tema delle concessioni balneari.

Una decisione che Gnudi ha giudicato, infatti, “assolutamente positiva”. “Dopodiché però – ha aggiunto il ministro – bisogna lavorare assieme agli operatori del settore per trovare una soluzione che sia in linea con le promesse che noi abbiamo fatto a Bruxelles”.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Pd e Udc: uniti sulle riforme, divisi sulle prospettive

next
Articolo Successivo

Sanità, la regione dimezza i tempi d’attesa per pagare i fornitori

next