Locandina del film No room for rockstars

Premiere al Slamdance Film Festival, No room for rock stars è una sorta di racconto “on the road” girato con il Vans Warped Tour. Prodotto da Stacy Peralta e Agi Orsi, il lavoro è durato due anni e racconta la (vera) storia del rock and roll. Dal 1985 il Vans Warped Tour è una vera e propria macchina del punk rock che attraversava tutto il Nord America (è stato trampolino di lancio di tante band come Green Day, Blink 182, Ice-T, Eminem e No Doubt): ideato e fondato da Kevin Lyman, in 17 anni è cresciuto tanto quanto è implosa l’industria musicale. I 300 minuti di film sono stati girati durante il tour del 2010, e il risultato è una colonna sonora sulla contemporaneità, una specie di chicca per gli appassionati di video-arte. Dietro la macchina da presa, Parris Patton, mentre alla direzione della fotografia Josh Salzman e Joshua Altman come editor. Le location internazionali in cui verrà trasmesso il film saranno pubblicate a breve su www.noroomforrockstars.com, ma dal 2 aprile basterà cercare su iTunes (dall’8 maggio in DVD).

Altro road movie da tenere d’occhio, ma di tutt’altra specie, è La strada di Olympia: Eleonora Riggi, ragazza disabile dalla nascita, compie un viaggio da Nettuno a Parigi per incontrare i Pooh, in concerto al Teatro dell’Olympia lo scorso 21 gennaio, la cui musica l’ha risvegliata dal coma. I videomaker indipendenti Claudia Di Lascia, Michele Bizzi e Federico Monti, con la supervisione del regista Marco Pozzi, riescono a trattare il tema della disabilità in modo originale e toccante: «Partecipare a questo progetto mi ha permesso di vivere un’esperienza umana e professionale straordinaria – ha dichiarato Pozzi. Il mio ringraziamento va ad Eleonora, che ha dimostrato a tutti noi come le emozioni possano smuovere un corpo al di là dei limiti imposti dalla malattia». La raccolta fondi su www.ulule.com/olympia serve per coprire i costi di logistica e trasporto che sono stati sostenuti da Eleonora e dai suoi accompagnatori.

Sostieni ilfattoquotidiano.it ABBIAMO DAVVERO BISOGNO
DEL TUO AIUTO.

Per noi gli unici padroni sono i lettori.
Ma chi ci segue deve contribuire perché noi, come tutti, non lavoriamo gratis. Diventa anche tu Sostenitore. CLICCA QUI
Grazie Peter Gomez

Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

L’editoria al tempo della crisi
Un barcamp a Milano

next
Articolo Successivo

Vota il morto del mese

next