Vent’anni fa “Mani Pulite“. I soliti noti vorrebbero processare i giudici che scoperchiarono la corruzione e dedicare strade e piazze ai corrotti.
Cominceremo a diventare un paese seminormale quando le strade, le piazze, le scuole, saranno invece dedicate, ovviamente augurando loro lunga vita, a chi non accettò di piegare il capo di fronte al pessimo spirito dei tempi e non si unì all’incivile coro del : “Così fan tutti”, un coro peraltro più attivo che mai, come ha dimostrato la  relazione della Corte dei Conti.

Vent’anni dopo, senza incertezza alcuna, il grazie va detto a quei giudici che onorarono e onorano la loro toga nera rispettando la Costituzione.

A quei poliziotti che hanno continuato ad arrestare i ladri, nonostante gli sia stata levata persino la benzina dalle auto.
A quegli amministratori che le mazzette non le hanno mai prese e non hanno mai detto : “A mia insaputa”.
A quei giornalisti, tanti all’inizio, poi sempre meno, che non si sono mai stancati di indagare, di raccontare i fatti, di dare memoria e informazioni sulle tangentopoli di ieri e di oggi, spesso segnate dagli stessi protagonisti, dalle medesime associazioni a delinquere.

A tutti costoro che meriterebbero le principali strade e piazze italiane, vogliamo  dedicare alcune bellissime parole tratte dall’ultimo libro scritto dal Professor Maurizio Viroli:  L’Intransigente, pubblicato da Laterza, e dedicate alla virtù repubblicana: “L’umiltà insidiosa del male non si vince né con la virtù timida, né con la virtù altezzosa, ma con la vecchia e sempre affidabile virtù senza aggettivi. Poche altre volte nella nostra storia abbiamo avuto bisogno, come abbiamo oggi, di uomini e donne che combattono per la libertà con fermezza e saggezza. Il grigiore si rischiara ed acquista splendore solo se riceve luce dai maestri di intransigenza morale e politica. Senza di loro, non si  esce dalla palude dei servi e degli accomodanti”.

Oggi in Edicola - Ricevi ogni mattina alle 7.00 le notizie e gli approfondimenti del giorno. Solo per gli abbonati.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili

GIUSTIZIALISTI

di Piercamillo Davigo e Sebastiano Ardita 12€ Acquista
Articolo Precedente

Sicilia, carceri e paradossi: a Catania in dieci per ogni cella, a Gela penitenziario vuoto

next
Articolo Successivo

“Il ragazzo cileno colpito alle spalle”. Milano, il vigile accusato di omicidio volontario

next