Mentre la prescrizione cala inesorabile anche sul processo Mills che si conclude con un corrotto, ma senza un corruttore, Berlusconi si guadagna un nuovo rinvio a giudizio. L’accusa è di concorso in rivelazione di segreto d’ufficio: ha ascoltato l’intercettazione, neanche ancora trascritta, della famosa telefonata tra Fassino e Consorte sul possesso di una banca.
La pen drive con l’intercettazione, donata al Cavaliere da chi la realizzò per conto della Procura, pervenne poi in qualche modo al Giornale che la pubblicò con gravi danni per la campagna elettorale di Romano Prodi nelle elezioni politiche del 2006.

Guitto prescritto, diritto sconfitto

Si può dir che il Capellon
di processi è un tourbillon,
ovviamente senza guai
poiché non pervenne mai

alla fin del primo grado.
Una specie di Eldorado
fu per Silvio il tribunale,
da prescritto abituale.

Mentre per la concussione
e per la prostituzione
si arrabattano i piemme,
una gemma fra le gemme

sta per essere prescritta:
è da secoli che slitta
quel processo per la stecca
data a Mills, ma fa cilecca

la Giustizia nuovamente:
c’è soltanto un delinquente,
il corrotto incassatore,
ma non c’è il suo corruttore,

un miracolo Milano.
Caso vuol che sul caimano,
confermato casto e puro,
piombi, ahimé, un novel siluro.

E’ a giudizio rinviato
per l’ennesimo reato:
diffusion d’atto segreto,
quello che mandò al tappeto

dei ds il segretario
per lo sfogo leggendario
che inneggiava alla palanca:
Siam padroni di una banca!

Par che l’intercettazione
giunta in dono al Capellone
fosse ancora non trascritta,
ma rubata dalla ditta

che la realizzò con cura
su istruzion della Procura.
Per il ghiotto contenuto
il bel nastro fu ceduto,

come dono di Natale,
al caimano che al Giornale
poco dopo lo ha trasmesso.
Berlusconi dice adesso:

Questo nastro per me è nuovo.
Tutti san che non approvo
che si venga intercettati.
Quanto a quei due disgraziati

che si spaccian donatori,
non ricordo quei signori,
ma la villa pullulava
di gentaglia che arrivava

grazie a Paolo, mio fratello.
Chi per questo, chi per quello,
tutti in cerca di intrallazzi….
Ma io, duro:”Via, ragazzi!

Raccontò tale Favata
com’è veramente andata
quella sera nella villa.
Stava con aria tranquilla

in poltrona sprofondato
Silvio quasi addormentato,
fino a che con la pen drive
ecco il trillo quasi live

con Fassino ormai banchiere…
A quel punto il Cavaliere
dal torpore si è svegliato:
“In eterno sarò grato

del regalo che mi deste
per far liete le mie feste!”
entusiasta commentò
e la privacy scordò
”.

La pen drive giunse al Giornale,
la campagna elettorale,
fino a lì trionfal per Prodi,
non finì con un Bengodi.

Mortadella fu cacciato,
il Pd, nato sfigato,
tristemente ancora arranca
e Fassino è senza banca.

L’imputato Berlusconi,
grazie a lodi e a prescrizioni,
passa ancor per uomo onesto,
neanche l’ombra di un arresto…

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez