Alberto Stasi è stato condannato per la detenzione di materiale pedopornografico dal Tribunale di Vigevano. La pena inflitta all’ex fidanzato di Chiara Poggi, uccisa a Garlasco (Pavia) il 13 agosto del 2007, è di trenta giorni di reclusione e 1.400 euro di multa convertiti in una pena pecuniaria complessiva di 2.540 euro, oltre all’interdizione dai pubblici uffici  “in perpetuo da qualunque incarico di ogni ordine e grado nonché da ogni ufficio o servizio in istituzioni o strutture pubbliche o private frequentate prevalentemente da minori”.

Finito davanti al giudice per l’udienza preliminare di Vigevano nel 2009 con la doppia accusa di detenzione e divulgazione di materiale pedopornografico, scoperto nel suo computer quando gli era stato sequestrato dagli inquirenti nell’ambito dell’indagine per l’omicidio di Chiara Poggi, l’ex bocconiano era stato prosciolto per la divulgazione di filmati hard con protagonisti bambini. Rinviato, invece, a giudizio per il reato di detenzione di video proibiti, l’accusa si era ristretta a 17 frammenti di immagini per i quali il giudice ha deciso di condannarlo. Il pm di Vigevano, Marcello Maresca, aveva chiesto la condanna di Stasi a 2.340 euro di multa.

“Leggeremo con attenzione le motivazioni della sentenza” commenta uno dei legali di Alberto Stasi, l’avvocato Giulio Colli, difensore del giovane insieme al professor Angelo Giarda. Nel complesso la difesa è rimasta “moderatamente soddisfatta”. “Eravamo partiti con una contestazione di 60 spezzoni di file- ha concluso Colli – e ora si è sbriciolato tutto. Resta questa ultima piccola macchia che cercheremo di cancellare facendo ricorso”.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

L’Italia farà la fine della Grecia?

prev
Articolo Successivo

Assolto dopo 36 anni per la strage di Alcamo
Che resta impunita tra misteri e depistaggi

next