Dopo un mese dall’ultima protesta, i rilevatori del censimento Istat del comune di Milano tornano in piazza: non sono ancora stati pagati e chiedono una ridefinizione del contratto. “Abbiamo ricevuto una lettera che annuncia l’arrivo di un acconto, pari al 40% del compenso per l’attività svolta nel 2011”, spiegano i lavoratori. Diego Lombardi aggiunge: “Il totale del compenso arriverà nel 2013”. Sono andati in processione fino a Palazzo Marino e lì si sono uniti ai precari amministrativi del comune, a cui non è stato rinnovato il contratto a tempo determinato. Se i primi hanno ottenuto un incontro con l’amministrazione comunale per settimana prossima, i secondi hanno concluso la giornata con un nulla di fatto. di Francesca Martelli

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te

In questi tempi difficili e straordinari, è fondamentale garantire un'informazione di qualità. Per noi de ilfattoquotidiano.it gli unici padroni sono i lettori. A differenza di altri, vogliamo offrire un giornalismo aperto a tutti, senza paywall. Il tuo contributo è fondamentale per permetterci di farlo. Diventa anche tu Sostenitore

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili

MANI PULITE 25 ANNI DOPO

di Gianni Barbacetto ,Marco Travaglio ,Peter Gomez 12€ Acquista
Articolo Precedente

Patrimonio An, Perina (Fli): “Da Pdl autodifesa fragile”

next
Articolo Successivo

Svuota carceri, Bonino: “Non è sufficiente, serve amnistia”

next