Il re stavolta non è solo nudo. È depilato, scorticato, privato d’ogni parvenza di credibilità. La neve capitolina ha spogliato Alemanno del ruolo politico e l’ha trasformato in un sindaco a una sola dimensione: gli è rimasta, per scelta, solo quella umana. Pre-politica. È diventato un analfabeta istituzionale.

Come nella serie cult Misfits, in cui un gruppo di persone acquista dopo una tempesta poteri speciali, così è avvenuto per il caro Gianni. Gli eventi climatici l’hanno trasformato in un one dimensional major. Ha scelto di reagire su un piano esclusivamente pre-politico, ha risposto alle domande dei giornalisti come se dovesse difendere la propria persona e non il proprio ruolo istituzionale, non il Campidoglio. Ha dimostrato una incompetenza comunicativa (dopo quella amministrativa, più grave) difficile da perdonare. Ha toccato l’apice nelle due trasmissioni In Onda e Presa Diretta dove, come direbbero i suoi concittadini, ha cercato di buttarla in caciara. E si è, probabilmente, giocato non solo una complicata rielezione ma persino un’agognata ricandidatura.

L’abilità prepolitica, eppure, non è pura e peccaminosa propaganda, come certa vetero retorica è usa insinuare. Si tratta, invece, di merce preziosa, dote rara, tipica dei più abili politici. Ma il fascino prepolitico è materiale quasi magico, va gestito, richiede una certa sapienza. Il discorso prepolitico consiste nella costruzione e nella gestione di un dialogo con i cittadini e gli elettori fondato sull’esperienza e sulla vita quotidiana. Significa saper parlare al cuore oltre che al cervello delle persone, significa saperle coinvolgere e magari renderle partecipi di una soluzione comune, condivisa. Come se il sindaco fosse un compagno di vita in grado di prendersi una grande responsabilità ma anche, quando è necessario e nelle situazioni di emergenza, capace di chiamare a raccolta le energie della città, anche in suo aiuto.

Invece Alemanno con la pala e il caschetto, dopo Alemanno urlatore in tv, non è altro che l’ultima figurina di una serie di immagini poco credibili: Alemanno il divoratore di pajata in piazza, Alemanno amico Chips in moto per Roma. Insomma, così non va. Il sindaco a una dimensione è il risultato di una tecnica comunicativa superficiale, che confonde, come spesso accade, strategia con visibilità.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Finanziamenti ai partiti, non sono tutti uguali

next
Articolo Successivo

Responsabilità civile dei magistrati
Anm: “Soddisfatti per l’impegno di Monti”

next