“Le dico subito che sta procedendo l’operazione di trasferimento alla stazione di Forlì e che è di pochi di pochi minuti fa, la notizia che il treno è stato agganciato e lo stanno trascinando verso la stazione, nel frattempo siamo riusciti a trovare generi di conforto ai passeggeri”

Sono le 21.30 e il treno è fermo dalle 14.40. Come mai non è si è riusciti a raggiungerli prima o averne notizia prima?

“Questo è un problema di gestione del servizio. Noi abbiamo avuto notizia del problema intorno alle 16.30, e che era stato mandato un locomotore di soccorso da Rimini che però non ha avuto la possibilità di agganciare l’IC. Un secondo locomotore alle 18.30 non ha dato risultati, il terzo tentativo è stato positivo.

Tecnicamente sono operazioni complicate, il treno si è bloccato, bisogna rialimentare i compressori, i circuiti elettrici… sono operazioni che sono in capo alle Ferrovie dello Stato. Da quando ci hanno avvertito (noi alle 19 abbiamo capito che c’era un problema, che non si era riusciti a risolverlo) abbiamo attivato un’operazione chiamiamola “alternativa”, aprendo una pista con due spazzaneve che sono riusciti ad arrivare in prossimità del treno, poi con i trattori un’oretta fa siamo riusciti ad avvicinare i passeggeri e distribuire generi di conforto. Abbiamo anche fatto arrivare degli autobus in caso non fosse stata possibile la terza operazione. Il motivo per cui non si è riusciti a muoverci prima, è che ci sono sempre dei problemi contingenti.

Per esempio proprio un’ora fa l’Enel ci ha avvertiti che c’è un guasto all’alta tensione abbastanza grave nella zona tra Ravenna e Cesenatico, ora stanno mandando squadre di ricognizione perché non si sa dove sia il guasto con esattezza. Prima di mettere in funzione i gruppi elettronici sostitutivi, bisogna che ci dicano esattamente il punto”.

I passeggeri ora dove sono, sugli autobus o sul treno?

“Sono sul treno. Gli autobus, invece, gestiti dalle Ferrovie, alla stazione valuteranno se farli proseguire con quelli o con un altro treno fatto arrivare nel frattempo da Bologna”.

Per quanto riguarda la E45, dove sono bloccate 50 persone da oggi?

“Li in collaborazione con la prefettura, provincia, Anas, e volontari dei Vigili del fuoco si è risolto il problema delle 50 persone intrappolate a causa dell’attraversamento di mezzi pesanti che avevano bloccato la circolazione nella zona di Mercato Saraceno. Vedremo nel corso della notte se ci saranno altri problemi”.

Situazioni analoghe da segnalare?

“Poco fa ci hanno avvertito che a Crevalcore ci sarebbe un regionale fermo da 3 o 4 ore, quindi stiamo aspettando di capire se con le ferrovie c’è necessità di cooperazione”.

Quante passeggeri in questo caso?

“Non lo sappiamo ancora. ci hanno chiamato dei cittadini dal treno chiedendo assistenza. è un servizio che gestisce Fs, quindi anche per avere l’ufficializzazione del problema passiamo da loro. Insomma sembra che ci siano situazioni analoghe sulle quali cerchiamo di prestare aiuto se richiesto, se necessario”.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Forlì, treno guasto fermo 7 ore. Mille persone al gelo in piena campagna

prev
Articolo Successivo

Bologna, rom a spalare neve tra le vie del centro

next