Festa in aula per il caro amico Cosentino. Braccia che si tendono a toccare il sacro corpo del compare che l’ha fatta franca. Pacche che si abbattono, solenni e giulive, sulle sue spalle. Il branco satollo si affolla attorno al festeggiato: tranquillo, Nicola, cane non mangia cane.

Chi non ha mai trafficato un po ’ con la camorra scagli la prima pietra. Nella fotografia della cerimonia, scattata dall’alto, in aula, sono immortalate una dozzina di sguarnite teste d’uomo e un paio di chiome bionde d’ordinanza a segnalare che anche le donne hanno un cuore, solidale con i compagni di merenda. Per il resto, è il trionfo del caro vecchio club maschile, l’old boys net del malaffare che gongola: la legge è uguale per tutti meno noi.

C’è chi va in galera per una mela, e chi la scansa per una strage (dico così, per fare un esempio). Il Parlamento italiano, è, e resta, il fortino del privilegio. Chi riesce a rinchiudersi lì dentro, diventa intoccabile, ingiudicabile, illicenziabile. Un garantito a vita. E Bossi, all’ultimo momento, come di consueto, se la fa sotto all’idea di disobbedire a Berlusconi. A chi credeva che qualcosa fosse cambiato nel nostro Paese, vanno le mie più sentite condoglianze.

Il Fatto Quotidiano, 13 Gennaio 2012

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Omofobia, dimissioni di un assessore di terzo tipo

prev
Articolo Successivo

La casa del parto… spezzato

next