Uscire da una Rai lottizzata, dalle nomine decise dai partiti, dalla stagione dei direttori al servizio del padrino politico di turno. Con questa promessa, il giornalista americano Wolfgang Achtner, un curriculum tra scoop e collaborazioni con testate come Cnn e Abc news, ha presentato, in una conferenza stampa a Roma, la sua candidatura alla direzione del Tg1. Achtner, sostenuto da movimenti e cittadini, vuole ripristinare un valore semplice: quello del merito “perché – spiega – la qualità della democrazia è strettamente collegata con la buona informazione”. Il cronista ha inviato una lettera ai vertici di Viale Mazzini, al momento senza risposta, proponendo la sua candidatura. “Le persone vogliono buona informazione – racconta – vogliono che qualcuno arrivi a ruoli di responsabilità con merito, il Tg1 è l’anello del sistema, l’impegno è coinvolgere i cittadini, poi il Cda della Rai dovrà prendere in considerazione il mio curriculum e la mia auto-candidatura”.  di Nello Trocchia

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Caso Malinconico, l’hotel: “Non risultano pagamenti da lui”

next
Articolo Successivo

Cosentino, Cicchitto avvisa Monti e la Lega si spacca

next