Il pastone da telegiornale non muore mai. Minimo sforzo, massimo guadagno in visibilità per i politici nei vari telegiornali Mediaset e Rai. L’informe servizione, il pastone appunto, che riassume la giornata politica con gli esponenti dei diversi schieramenti in Parlamento pronti a dire la loro sul tema del giorno. Il telespettatore ne esce quasi sempre disorientato, senza mai capire chi abbia ragione e chi no. Visto che i giornalisti, in primis quelli parlamentari, da tempo hanno abdicato al loro ruolo. Mai una domanda, mai un incalzare i politici. Così alla Camera, come al Senato, si è istituzionalizzato quello che è un siparietto (con tanto di scenografia) dei nostri rappresentanti con immancabile corredo di espressioni di circostanza per i loro soliloqui davanti alle telecamere. Tanto, come dimostrano questi due esempi, “giornalisti che fanno domande non ci sono, decide l’onorevole”, dichiara un cameraman rivolgendosi all’onorevole del Pd, Cesare Damiano. (Non ce ne vogliano i deputati Colaninno e Damiano, questo capita con chiunque, come dimostrano altri filmati de ilfattoquotidiano.it)
di Paolo Dimalio e Manolo Lanaro

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Rapina, la rabbia degli abitanti di Tor Pignattara: “Non ci sentiamo sicuri”

prev
Articolo Successivo

Parassiti dello Stato – Ciò che manca allo spot contro l’evasione fiscale

next