auguri !

Abbiamo passato bei momenti insieme, abbiamo riso amaramente, abbiamo pianto allegramente, cazzeggiato sulle cose serie e concionato sulle cazzate. Ci auguriamo che in queste feste, comunque le passiate e comunque la pensiate, siate felici, vi divertiate e troviate il coraggio di mandare affanculo tutti quelli che siete costretti a sopportare soltanto perché è Natale o Capodanno.

Grazie a Mauro Biani che ha realizzato l’immagine di questa cartolina natalizia. Gli avevamo chiesto di essere leggero, divertente e rassicurante e crediamo sia riuscito perfettamente a fare esattamente il contrario. Ma satira vuol dire anche mandare di traverso il panettone.

Noi, come le offerte tariffarie della telefonia mobile, non vi lasciamo mai soli, anche se non usciremo come al solito la domenica. Saremo in edicola il 27 dicembre e il 3 gennaio (con un numero speciale), per poi tornare alla normalità con il numero dell’8 gennaio.

clicca qui per ingrandire la nostra cartolina di Natale

seguici anche su Facebook !

illustrazione di Mauro Biani
close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Merry Crisi!

prev
Articolo Successivo

Il lieto evento

next