Non è un buon Natale.

Non lo è nella Val di Susa militarizzata, dove lo Stato è ormai “cosa altra” e sente più solo l’odore dei soldi e non già lo strazio dell’ambiente e di chi ci vive.

Non lo è a Genova, dove sei persone avevano festeggiato il Natale 2010 e non sono arrivate a mangiare il panettone di quello 2011. Grazie ad una classe politica replicante di se stessa, per la quale il lottizzatore conta molto più del geologo.

Non lo è a Pompei, dove un ennesimo crollo testimonia di quanto lo Stato tenga in considerazione la tutela del suo immenso patrimonio culturale, gestito da quei vandali così sapientemente descritti da Stella e Rizzo.

Non lo è nei Parchi Nazionali, talora commissariati, ma pur sempre in bolletta.

Ma non lo è  neppure per tutti noi costretti a vivere in questo ben misero paese dove quest’anno è aumentato vieppiù il divario fra ricchi e poveri e i poveri sono costretti a svolgere lavori disumani e disumanizzanti fino alla soglia della fossa, dove là sì che saremo di nuovo tutti uguali.

Non è un buon Natale per la decrescita, lo è per la recessione.

Non è un buon Natale, ma ci resta il cinema, che ci aiuta a sognare un mondo migliore . Andate a vedere o scaricate Miracolo a Le Havre, per vivere un’ora e mezza di autentica partecipazione emotiva con il nostro prossimo accompagnati per mano da Aki Kaurismaki.

E pur tuttavia… Buon Natale.

Sostieni ilfattoquotidiano.it ABBIAMO DAVVERO BISOGNO
DEL TUO AIUTO.

Per noi gli unici padroni sono i lettori.
Ma chi ci segue deve contribuire perché noi, come tutti, non lavoriamo gratis. Diventa anche tu Sostenitore. CLICCA QUI
Grazie Peter Gomez

Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Libero taxi (gratis) in libero Stato. Non a Roma

next
Articolo Successivo

Un’altra vita è possibile

next