I “fascisti del terzo millennio” accolgono i rappresentanti della comunità cinese di Roma. Non per ripulire l’immagine di Casapound dopo gli atroci fatti di Firenze, sostengono i militanti neri, ma per coltivare un rapporto di buon vicinato con l’etnia che da anni è in stragrande maggioranza all’Esquilino, il quartiere dove ha sede il centro sociale. “Quest’incontro era stato programmato ben prima dell’omicidio dei senegalesi”, spiega Davide Di Stefano, responsabile di Blocco Studentesco, ramo universitario di Casapound. “Rimaniamo fermamente contrari all’immigrazione, ma siamo nel 2011, il mondo è questo e dobbiamo confrontarci con la realtà. Allora tanto vale provare a dialogare”. Gli ospiti cinesi sembrano piuttosto spaesati, tra un intervento di Francesco Marcolini, presidente di Zètema (l’azienda comunale che gestisce gli eventi culturali di Roma), che cita Julius Evola, e un’analisi di Gabriele Adinolfi, ex Terza Posizione, oggi ideologo dei neofascisti, che spiega perché con i vicini di casa asiatici i rapporti non siano conflittuali: “I cinesi, rispetto ad altri, non hanno l’abitudine di piagnucolare, non vanno a fare l’elemosina morale”.
Video di Tommaso Rodano

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Clini: “Chiusura al traffico inefficace senza misure estese”

prev
Articolo Successivo

Pensioni, Fornero: “Riforma non è solo tagli”

next