Dopo Parma la protesta arriva arriva anche nel carcere Dozza di Bologna, dove da due giorni i detenuti del reparto giudiziario battono le stoviglie contro le grate e i cancelli, e fanno scoppiare alcune bombolette di gas. Chiedono misure contro il sovraffollamento e a favore dell’amnistia.

Qualche giorno fa, le persone rinchiuse nell’istituto penitenziario di Parma avevano gettato bombolette del gas e cibo nei corridoi, e incendiato lenzuola, provocando l’intossicazione di un agente.

“Ancora una volta la Polizia penitenziaria e’ impegnata a mantenere la situazione sotto controllo – ha commentato Domenico Maldarizzi, coordinatore provinciale della Uil penitenziari di Bologna – il fiorire di tensioni interne al penitenziario e’ un problema aggiuntivo che il personale, già oberato dalle emergenze, deve affrontare in solitudine e con scarsi mezzi”. Inutile dunque costruire nuovi padiglioni, come previsto da un progetto della Regione, se “poi quelli che esistono già crollano per mancanza di fondi”.

La situazione alla Dozza, come in gran parte delle carceri italiane, è drammatica. Nato per ospitare massimo 502 persone, oggi ce ne sono in media 1050, più del doppio. Di queste circa 300 soffrono di gravi problemi di tossicodipendenza, e dovrebbero quindi poter usufruire di misure alternative alla detenzione. Ad aggravare la situazione la carenza di personale di polizia. In Emilia-Romagna ci sono duemila detenuti in più rispetto ai posti previsti e mancano 650 agenti. Mentre solo a Bologna mancano 200 persone.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Bologna, giudice risarcisce insegnanti precari
Il ministero dovrà pagare un milione di euro

prev
Articolo Successivo

L’intelligenza di Prodi sulla crisi

next