Alle 16.37, l’ora in cui 42 anni fa scoppiò la bomba di piazza Fontana, il presidente della Provincia di Milano Guido Podestà depone una corona di fiori in memoria delle 17 vittime. Ma una cinquantina di giovani antagonisti lo contestano. “Fascista, vattene”, lo accusano di aver agevolato alcune iniziative di gruppi di estrema destra. I manifestanti hanno costretto Podestà a lasciare la piazza non appena terminata la breve commemorazione. Applausi e strette di mano hanno accolto il sindaco Giuliano Pisapia. Il primo cittadino non ha voluto commentare la tensione della piazza e gli attacchi al collega della Provincia. “Quello che avevo da dire l’ho detto in Consiglio”. In una seduta straordinaria dell’assemblea comunale, riunita per la prima volta nel giorno della ricorrenza della strage, Pisapia ha ricordato che quella di piazza Fontana rimane una strage impunita, e che “per noi milanesi equivale all’undici settembre”. Un’intervento giudicato “troppo retorico e parziale” dall’opposizione di centrodestra di Franz Baraggino

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Scilipoti, Concia: “Il Parlamento alimenta omofobia”

prev
Articolo Successivo

Beha: “Campionato incerto … e mediocre”

next