“Mi hanno detto che in Rai non si può dire la parola ‘profilattico’”. Nell’ultima puntata del suo show – ‘Il più grande spettacolo dopo il big bang’Fiorello rompe il tabù che nella Giornata mondiale contro l’aids il primo dicembre aveva scatenato la polemica in Rai con tanto di istruttoria interna (leggi) per capire se davvero, quella mail partita dalla direzione di Radio Uno a firma di Laura De Pasquale facesse riferimento a un reale veto arrivato direttamente dal ministero della Salute (leggi). “E’ un errore sicuramente – spiega Fiorello davanti al direttore di Raiuno Mauro Mazza – Perché in Rai si può dire profilattico”. Anzi, insiste lo showman: “Diciamolo tutti in coro”. E così tutta la platea, compreso Mazza, scandisce: “Pro-fi-lat-ti-co”. E ancora: “Ma pensate che con questa cosa di lattice, non si prendono le malattie. Incredibile eh?”. Il tono è ironico, ma l’argomento terribilmente serio. E infatti Fiorello ci scherza sopra ma mantendendo chiaro il concetto: “Il profilattico salva la vita! E’ come il ‘salva-vita Beghelli’, potremmo chiamarlo ‘salva-la vita-pischelli’“.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Beppe Grillo va “alla guerra”

prev
Articolo Successivo

Spese con la carta di credito Rai, Minzolini rinviato a giudizio per peculato

next