“L’Italia ha piazzato 8 miliardi di titoli sul mercato dei capitali, ma il prezzo che abbiamo dovuto pagare è stato altissimo”. Parola dell’economista Loretta Napoleoni che nella rubrica ‘Sostiene Loretta’ spiega qual è il prezzo alto che stiamo pagando: “I rendimenti per i titoli a 3 anni sono saliti al 7,89 per cento, quelli per i titoli decennali sono andati oltre il 7,5 per cento, cosa significa questo? Significa che indebitarsi costa sempre di più”. “Ma c’è un debito nascosto – spiega Napoleoni – quello della traslazione del debito dello Stato al sistema bancario nazionale. Chi sottoscrive i titoli del debito pubblico italiano sono principalmente le banche nostrane che detengono il 12,6% del debito nazionale, lo stesso si verifica in Spagna e Portogallo, i governi fanno pressione sulle banche che poi rivendono il debito alla Bce, ma non tutto si riesce a vendere e resta nel portafoglio delle banche, che già sono in forte crisi di liquidità che devono così ricapitalizzare e a farne le spese sono le imprese…”. (Vedi il video integrale)

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Scattone, striscione fascista al liceo Cavour

prev
Articolo Successivo

Licio Gelli e la massoneria “che oggi non conta più niente”

next