Un fiume di fango ha travolto il paese in provincia di Messina, tre i morti per il maltempo. Mai arrivati i fondi per il dissesto, eppure nel 2012 aveva assicurato alla popolazione il rientro nelle proprie case. Ma non è successo nulla. Così dopo di Giampilieri, la Sicilia piange nuove vittime dell’incuria. Con lo spettro di rivedere la tragedia che degrada in farsa  di Antonio Condorelli

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te

In questi tempi difficili e straordinari, è fondamentale garantire un'informazione di qualità. Per noi de ilfattoquotidiano.it gli unici padroni sono i lettori. A differenza di altri, vogliamo offrire un giornalismo aperto a tutti, senza paywall. Il tuo contributo è fondamentale per permetterci di farlo. Diventa anche tu Sostenitore

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Immigrati, Corsaro (Pdl): “Metterebbe a repentaglio il governo Monti”

next
Articolo Successivo

Giovanardi attacca Napolitano: “Farebbe meglio a stare zitto”

next