Spuntano anche aTorino le prime tende degli indignati. Dopo la partecipata manifestazione di fine pomeriggio  un gruppo di studenti decide di passare la notte in piazza. Tra i temi della protesta c’è la crisi di governo: “Non crediamo -dice un manifestante- che mandando via il Signor Berlusconi e arrivando un inviato della banca centrale europea migliorino le cose, dobbiamo migliorarle noi”. I presenti sanno di essere una piccola porzione della società civile e si interrogano sul ruolo della nonviolenza nella protesta: “Se uno fa un’opposizione nonviolenta e nessuno se ne accorge non serve a niente”. di Cosimo Caridi

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L'abbiamo deciso perchè siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un'informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Eccellenza, “Avanti i prossimi”

next
Articolo Successivo

L’Occupy Napoli rinviato di un’ora per scaramanzia

next