Spuntano anche aTorino le prime tende degli indignati. Dopo la partecipata manifestazione di fine pomeriggio  un gruppo di studenti decide di passare la notte in piazza. Tra i temi della protesta c’è la crisi di governo: “Non crediamo -dice un manifestante- che mandando via il Signor Berlusconi e arrivando un inviato della banca centrale europea migliorino le cose, dobbiamo migliorarle noi”. I presenti sanno di essere una piccola porzione della società civile e si interrogano sul ruolo della nonviolenza nella protesta: “Se uno fa un’opposizione nonviolenta e nessuno se ne accorge non serve a niente”. di Cosimo Caridi

Sostieni ilfattoquotidiano.it ABBIAMO BISOGNO
DEL TUO AIUTO.

Per noi gli unici padroni sono i lettori.
Ma chi ci segue deve contribuire, se vuole continuare ad avere un'informazione di qualità. Diventa anche tu Sostenitore. CLICCA QUI
Grazie Peter Gomez

Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Eccellenza, “Avanti i prossimi”

next
Articolo Successivo

L’Occupy Napoli rinviato di un’ora per scaramanzia

next