“Non si può sapere esattamente quando abbia inizio un’epoca” – sostiene Sandro Parenzo, Presidente di Mediapason – “ma se c’è qualcuno e qualcosa che possa rappresentarlo, questi sono Michele Santoro e il programma Servizio Pubblico, per la rottura e le novità che rappresenta sullo scenario televisivo tradizionale”. Con queste parole l’editore del canale Telelombardia che ospita il programma di Santoro in onda da domani, presenta l’evento nella conferenza stampa di oggi a Milano. “Viva Santoro e abbasso Vespa” – aggiunge – “se questo significa una informazione vera e libera, non ideologizzata”. Più che uno sciopero della televisione tradizionale quindi, un vero e proprio “referendum tra analogico e digitale, laddove questo significhi un nuovo modo di fruire la televisione. Mi auguro soprattutto – conclude – che chi non la pensa come Santoro ne sia incuriosito, perché allora sì daremo un grandissimo contributo alla libertà in questo Paese”. di Giovannij Lucci

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Sostiene Loretta. Il referendum greco è sull’euro

prev
Articolo Successivo

Il Fatto Quotidiano? Loro non lo leggono

next