La centrale a carbone Tirreno Power si trova nel centro di Vado Ligure alle porte di Savona. La giunta regionale ha dato l’autorizzazione al raddoppio della produzione di energia elettrica attraverso l’utilizzo del carbone. Nell’area il tasso di morti a causa di tumore è doppio rispetto alla media italiana. Vari movimenti e comitati locali si sono trovati sabato, nella ricorrenza della giornata mondiale contro il carbone, nello spiazzo antistante alla centrale, per protestare contro il raddoppio e chiedendo la riconversione della produzione da carbone a gas. Tra i promotori il Movimento 5 stelle, per il quale è intervenuto Beppe Grillo, che spiega così il ricatto sociale occupazione-inquinamento: “Quella centrale lì si che da lavoro: ai pronto soccorso, agli oncologi, ai marmisti per le lapidi, ai falegnami per le bare”. Il comico genovese, intervistato durante la trasmissione In Onda su La7 affronta il futuro del Movimento Cinque Stelle:  ”Io ho paura. Se questo movimento va in Parlamento, io devo espatriare. Faccio la fine di Pannella, mi diranno di tutto, mi sputeranno addosso. So già quale sarà la mia fine” di Cosimo Caridi

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Sandro Ruotolo lascia la Rai per ‘Servizio pubblico’

prev
Articolo Successivo

Forza nuova contro le banche

next