I giudici del tribunale di Milano hanno concesso il legittimo impedimento, avanzato dai legali si Silvio Berlusconi, e rinviato l’udienza di oggi nella quale era previsto l’interrogatorio in videoconferenza da Londra dell’avvocato inglese david Mills.

In apertura d’udienza Niccolò Ghedini, difensore del premier, aveva letto una nota della presidenza del Consiglio dei ministri nella quale si certifica che “in seguito al Consiglio europeo che si è tenuto a Bruxelles e in previsione di un nuovo Consiglio europeo e del vertice dell’Eurogruppo”, Berlusconi è legittimamente impedito ad essere presente al processo milanese perchè la sua agenda prevede alle 10 un appuntamento con Giulio Tremonti, alle 12 un incontro con il capo dello Stato e alle 18 un Consiglio dei ministri. Per questo i difensori del premier hanno chiesto il rinvio fino a quando l’autorità giudiziaria inglese fisserà una nuova rogatoria. Per quest’oggi, infatti, era stato fissato l’esame di David Mills in videconferenza da Londra. A giudicare legittimo l’impedimento del premier è anche il pm Fabio De Pasquale che ai giudici chiede però che venga fissato l’interogatorio di Berlusconi subito dopo l’esame per rogatoria di Mills.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Comprano i deputati
e nessuno fiata

prev
Articolo Successivo

Avvocati e legalità: largo ai giovani

next