Il ministro Maroni ha annunciato provvedimenti speciali in relazione all’ordine pubblico. Per aiutarlo a prendere  le decisioni migliori ci permettiamo di avanzare qualche proposta davvero “eccezionale”.0

Perché il governo non annuncia l’immediato ritiro della legge bavaglio che legherà le mani a magistrati e poliziotti impegnati a combattere violenti, mafiosi e incappucciati di ogni risma?
Perché il presidente del consiglio non rinuncia al “processo breve” che impedirà la celebrazione di alcuni processi a carico di persone “socialmente pericolose”?
Perché il governo non annuncia che chiederà di dimettersi a tutti i ministri e a tutti  i parlamentari accusati di gravissimi reati o, addirittura, già condannati dai tribunali della Repubblica?
Perché non stanziano subito i soldi necessari per far funzionare i tribunali e per dotare le forze dell’ordine delle dotazioni indispensabili per contrastare seriamente la delinquenza comune e quella politica?

Se ne avete voglia, completate voi il gioco dei perché, e date qualche consiglio al ministro Maroni e ai suoi sodali. Nel frattempo non cadiamo nella trappola della emergenza e teniamo aperte tutte le piazze, quelle reali e quelle virtuali, facciamo sentire la nostra solidarietà a quanti hanno già annunciato nuove e pacifiche manifestazioni per reclamare attenzione su quelle che sono davvero le grandi emergenze nazionali, a cominciare da quella economica e sociale.

Per questo sono tornate a Roma le tute blu della Fiom: richiamare l’attenzione delle istituzioni e della pubblica opinione sulla realtà della Fiat e della Fincantieri. Si attendono una risposta politica, immediata ed urgente, speriamo che non gli rispondano a colpi di leggi speciali e censure istituzionali o di ” manganellate mediatiche”…

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Lettera dal blocco nero in un Paese con poco futuro

prev
Articolo Successivo

“Dalla malattia di Bossi la Lega non esiste più
E dopo di lui le correnti si azzanneranno”

next