A pochi giorni dalle elezioni, dopo la primavera araba, le donne tunisine fanno i conti e scoprono che saranno elette in pochissime. Presso lo storico sindacato Ugtt si intrecciano le voci delle candidate, delle sindacaliste e delle femministe. La legge che impone la parità nel numero di eletti maschi e femmine non può evitare che i capolista siano maschi. Di Paolo Hutter e Cosimo Caridi

Sostieni ilfattoquotidiano.it: se credi nelle nostre battaglie, combatti con noi!

Sostenere ilfattoquotidiano.it vuol dire due cose: permetterci di continuare a pubblicare un giornale online ricco di notizie e approfondimenti, gratuito per tutti. Ma anche essere parte attiva di una comunità e fare la propria parte per portare avanti insieme le battaglie in cui crediamo con idee, testimonianze e partecipazione. Il tuo contributo è fondamentale. Sostieni ora

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Giornalisti precari a confronto

next
Articolo Successivo

Gheddafi, Citati: “Col Rais, seppelliamo verità scomode”

next