“Non sarò certo la relatrice di questo obbrobrio”. Giulia Bongiorno, presidente della Commissione giustizia della Camera e deputato di Fli, respinge seccamente la proposta di fare da relatrice del Ddl intercettazioni, improntata sulla non pubblicazione delle intercettazioni fino all'”udienza filtro”. “O si rispetta l’accordo o altrimenti farò un passo indietro”, precisa il deputato finiano. Bongiorno è intervenuta ad una conferenza stampa alla Camera dei deputati del Terzo polo (con Udc e Api). La parlamentare futurista poi sull’emendamento depositato oggi dal Pdl rincara: “Non capisco perché vedo solo proposte che sono una marcia indietro assoluta che porterebbero a un totale black out”.
Video di David Perluigi e Paolo Dimalio

Il Fatto di Domani - Ogni sera il punto della giornata con le notizie più importanti pubblicate sul Fatto.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Meredith, Bongiorno: “Pm da condannare? No, l’errore è nella formazione”

next
Articolo Successivo

Terry De Nicolò: “Berlusconi? Gli puoi sempre chiedere un favore”

next