“Non sarò certo la relatrice di questo obbrobrio”. Giulia Bongiorno, presidente della Commissione giustizia della Camera e deputato di Fli, respinge seccamente la proposta di fare da relatrice del Ddl intercettazioni, improntata sulla non pubblicazione delle intercettazioni fino all'”udienza filtro”. “O si rispetta l’accordo o altrimenti farò un passo indietro”, precisa il deputato finiano. Bongiorno è intervenuta ad una conferenza stampa alla Camera dei deputati del Terzo polo (con Udc e Api). La parlamentare futurista poi sull’emendamento depositato oggi dal Pdl rincara: “Non capisco perché vedo solo proposte che sono una marcia indietro assoluta che porterebbero a un totale black out”.
Video di David Perluigi e Paolo Dimalio

Sostieni ilfattoquotidiano.it: il tuo contributo è fondamentale

Il tuo sostegno ci aiuta a garantire la nostra indipendenza e ci permette di continuare a produrre un giornalismo online di qualità e aperto a tutti, senza paywall. Il tuo contributo è fondamentale per il nostro futuro.
Diventa anche tu Sostenitore

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Meredith, Bongiorno: “Pm da condannare? No, l’errore è nella formazione”

next
Articolo Successivo

Terry De Nicolò: “Berlusconi? Gli puoi sempre chiedere un favore”

next