Al cuore del dibattito politico americano, c’è una questione e un problema culturale.

La questione è: cosa deve fare il governo federale americano per far ripartire l’economia? Il problema culturale è: il governo federale è come un’azienda? Perché se è come un’azienda, il suo ambito d’azione non è l’economia del paese ma i propri conti (cioè il bilancio federale). E quando il bilancio è in rosso si tagliano i costi. Punto. Se invece il governo federale è un’istituzione politica, allora interviene e promuove giustizia sociale, cioè – nello specifico – tassa chi è più ricco per poter spendere di più (cioè aumentare la spesa pubblica) a favore di chi è povero o in difficoltà.

C’è anche un secondo aspetto da considerare. Ammesso che il governo federale sia da trattare come un’azienda, chi ci mettiamo a capo? Qualcuno che la rende efficiente o qualcuno che, semplicemente, la chiude?

Ecco: Barack Obama crede che il governo federale sia un’istituzione politica; Mitt Romney che sia come un’azienda che bisogna rendere efficiente. E Rick Perry che sia da chiudere.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Il “Giallo” in festival

prev
Articolo Successivo

Il colonialismo del “ragionier Filini”. In edicola col nuovo Saturno

next