“Legalizzare la mafia sarà la regola del duemila” cantava De Gregori, e l’Italia sembra sulla buona strada.

Da un ministro degli Interni che non fa una piega nel dichiarare che voterà contro la sfiducia a Romano, senza neanche provare a chiederne le dimissioni come atto di opportunità politica a un altro ministro, Brunetta, che ritiene inutile la certificazione antimafia.

D’altra parte da un Governo alla mercè dei Lavitola e di svariate cricche non c’è da meravigliarsi.

Legalizziamo la mafia. Tutto sarà più semplice.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Romano, il balletto di Nucara: “Verso la sfiducia, ma anche no se B. mi chiamasse”

next
Articolo Successivo

“Ma Bagnasco non parlava di Berlusconi”
I cattolici del Pdl s’immolano per il premier

next