“Legalizzare la mafia sarà la regola del duemila” cantava De Gregori, e l’Italia sembra sulla buona strada.

Da un ministro degli Interni che non fa una piega nel dichiarare che voterà contro la sfiducia a Romano, senza neanche provare a chiederne le dimissioni come atto di opportunità politica a un altro ministro, Brunetta, che ritiene inutile la certificazione antimafia.

D’altra parte da un Governo alla mercè dei Lavitola e di svariate cricche non c’è da meravigliarsi.

Legalizziamo la mafia. Tutto sarà più semplice.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: se credi nelle nostre battaglie, combatti con noi!

Sostenere ilfattoquotidiano.it vuol dire due cose: permetterci di continuare a pubblicare un giornale online ricco di notizie e approfondimenti, gratuito per tutti. Ma anche essere parte attiva di una comunità e fare la propria parte per portare avanti insieme le battaglie in cui crediamo con idee, testimonianze e partecipazione. Il tuo contributo è fondamentale. Sostieni ora

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Romano, il balletto di Nucara: “Verso la sfiducia, ma anche no se B. mi chiamasse”

next
Articolo Successivo

“Ma Bagnasco non parlava di Berlusconi”
I cattolici del Pdl s’immolano per il premier

next