Ennesimo editoriale del direttorissimo, casualmente dedicato al suo amato premier. Lo difende, infatti, dalla richiesta di dimissioni sollevata a gran voce dalle opposizioni e da giornalisti come Pierluigi Battista, che in un suo editoriale aveva chiesto “un altro governo e un altro premier”. Così, il povero Minzo è costretto a dichiarare guerra a giornali e giornalisti. “Sono anni che la grande stampa chiede a Berlusconi di farsi da parte, anche un anno fa si parlava di governo di larghe intese, in seguito al caso Ruby e alla scissione della maggioranza, eppure il governo non cadde. Non si vede perché oggi sulla scia della pubblicazione di intercettazioni che ledono pesantemente la privacy di Berlusconi e in cui il premier non è indagato ma parte lesa, dovrebbe farsi da parte. L’unica ragione per disfarsi di questo governo sarebbero il diktat della magistratura, che non lo vuole, e il giudizio della grande stampa, a cui non è mai piaciuto. Per alcuni queste sono considerazioni ragionevoli ma a mio avviso per nulla convincenti e hanno ben poco a che fare con le regole della democrazia. Anche perché con l’opposizione alle prese con i suoi problemi – conclude Minzolini – non si vede all’orizzonte una maggioranza alternativa che possa varare una manovra in una situazione di emergenza, e questa è una considerazione razionale di non poco conto”.

Il Fatto di Domani - Ogni sera il punto della giornata con le notizie più importanti pubblicate sul Fatto.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili

B.COME BASTA!

di Marco Travaglio 14€ Acquista
Articolo Precedente

Edilizia, la ricetta lombarda

next
Articolo Successivo

Marrazzo: “Ho pagato, mi sono dimesso. Non torno in politica”

next